Gambe gonfie: alcuni rimedi per prevenire e curare

Soffri di gonfiore alle gambe? Non sei solo, leggi qui per sapere come combattere e prevenire questo problema

Il gonfiore di gambe, piedi e caviglie è un problema che affligge molte persone, in particolare donne e tutti coloro che sono costretti a rimanere per lungo tempo in posizione seduta – ancor più mentre si affronta un viaggio, magari in aereo – o in piedi. Ciò accade semplicemente per una questione di gravità, che “intrappola” il sangue e i liquidi nella parte bassa del corpo, impedendo un ritorno venoso corretto.

Per contrastare questo problema, possono essere adottati diversi accorgimenti, sia a livello comportamentale che alimentare, ma una delle soluzioni più semplici, e per alcuni anche più piacevoli, è praticare una leggera attività fisica.

 

Prova questi piccoli esercizi, da fare anche in ufficio!

Per persone che passano molte ore sedute, sarebbe un buon punto di partenza praticare di tanto in tanto dei piccoli esercizi di mobilità di piedi e caviglie:

  • disegna idealmente dei cerchi in senso orario prima, antiorario poi;
  • solleva i talloni, mantenendo le punte appoggiate a terra, per iniziare ad innescare, seppur leggermente, l’“effetto pompa” che favorisce il ritorno venoso;
  • prova un massaggio fai da te, con movimenti rotatori che dal piede risalgono verso il polpaccio, ti può aiutare notevolmente.

 

Prenditi 30 minuti al giorno, solo per te e il tuo benessere

Un vero toccasana è la pratica di una moderata attività sportiva: trenta minuti al giorno possono già essere sufficienti per migliorare la ritenzione idrica e il gonfiore delle gambe. Tra le attività raccomandate, troviamo una camminata veloce della durata di circa mezz’ora, il nuoto libero o una pedalata in bicicletta. Per chi si sente invece più allenato, partecipare a delle lezioni di fitness della durata di 50 minuti-1 ora è un ottimo compromesso tra divertimento e cura del proprio benessere.

 

Soluzioni soft e per chi è più pigro

Dopo l’allenamento, o semplicemente per chi è più pigro, e ama coccolarsi e prendersi cura di sé, per combattere la ritenzione idrica sono consigliate:

  • sedute di pressoterapia, macchinario ad uso estetico che promuove il deflusso dei liquidi;
  • massaggi linfodrenanti effettuati da operatori qualificati;
  • impacchi di sali, alghe e fanghi, elementi naturali che stimolano la diuresi e il rilascio dei liquidi da parte del nostro corpo.

Vuoi informazioni?

Art. 13 del GDPR 679/2016 *
Acconsento al trattamento dei miei dati in base ai sensi dell'Art. 13 del GDPR 679/2016. Informativa resa sul trattamento dei miei dati personali. Autorizzo l'invio, anche tramite posta elettronica, di comunicazioni concernenti vostre future iniziative.